top of page

Ida Nielsen, la principessa del funk

Un'intervista di Martina Knecht | Read original English article

Ida Nielsen sul palco con il suo basso signature. Tutte le foto di questo articolo sono di Gioele Pozzi, © 2022 JazzAscona.



Lavorare a stretto contatto con Prince per quasi sei anni mi ha insegnato moltissimo in ogni aspetto della professione musicale.

Una tipa tosta, tostissima! Parola di Prince. «Scoperta» dal folletto di Minneapolis nel 2010, la bassista e compositrice danese ha fatto parte in pianta stabile dei The New Power Generation e del trio rock 3rdeyegirl, suonando al fianco del maestro fino alla sua prematura scomparsa nel 2016. Dopo gli anni con Prince, Ida Nielsen si è concentrata nuovamente sulla sua carriera da solista. Oggi, insieme ai Funkbots porta in giro in Europa, Asia, Australia, Brasile e Stati Uniti il suo energico mix di jazz, funk old school, hip-hop e soul. È l’amore per la musica funk, dice lei, la motivazione più grande che la spinge sui palchi di tutto il mondo.


Sabato 2 luglio 2022, Ida Nielsen & The Funkbots hanno tenuto un unico, attesissimo concerto a JazzAscona. In questa intervista, Ida ci parlerà della sua carriera e dell'eredità artistica di Prince.


Ida Nielsen & The Funkbots al festival JazzAscona 2022: Ida Nielsen (basso e voce solista), Kuku Agami (rap), Mika Vandborg (chitarra e voce di accompagnamento), Patrick Dorcean (batteria e elettronica).



Ida Nielsen, quando Prince ti ha ingaggiata stavi già costruendo il tuo impero artistico con i Funkbots e un paio di album da solista. Poi, la tua traiettoria è cambiata. Come vi siete conosciuti?


In breve: nel 2010 ho ricevuto una telefonata dalla sua manager. Mi disse che Prince aveva visto il mio profilo su Myspace e che gli sarebbe piaciuto fare una jam con me. Così sono andata a Minneapolis per una jam. Dopo aver suonato insieme per una ventina di minuti, mi ha invitato a unirmi in tournée alla sua band, The New Power Generation. Questo è stato l’inizio dell’avventura [sorride].



Com’è stato per te lavorare al suo fianco?


Per me è stato un sogno che si avvera... Prince ha sempre avuto una grande influenza su di me, ancor prima di conoscerlo. Lavorare a stretto contatto con lui per quasi sei anni mi ha insegnato moltissimo in ogni aspetto dell’essere musicista. Lui era davvero un genio e ci faceva riflettere su ogni decisione che prendevamo, sia dal punto di vista musicale che pratico. Sono grata di aver avuto l’opportunità di osservare da vicino come lavorava. Ho imparato tantissimo su come suonare, arrangiare e produrre, e continuo a immergermi in questo bacino di conoscenze nella mia vita musicale, tanto per il lavoro in studio quanto per le mie esibizioni dal vivo.




Sono grata che ci sia gente a cui piace ascoltare un po’ di buon basso funk!


Ida, quest’estate giri il Brasile e l’Europa con i Funkbot. Com'è portare in tournée un’intera band?


È fantastico! Anche se le condizioni e i palcoscenici non sono affatto allo stesso livello di quando giravo con Prince, è molto gratificante guadagnarsi da vivere creando e presentando la propria musica. Sono molto grata di poterlo fare e che ci siano persone, là fuori, che vogliono ascoltare un po’ di buon basso funk!



Hai creato il tuo basso personalizzato con il produttore tedesco Sandberg Guitars. Come è nata questa collaborazione e che cosa contraddistingue il tuo basso signature?


Conosco Holger, il fondatore di Sandberg Guitars, da molti anni. Nel 2009, un anno prima di iniziare con Prince, mi regalò un basso che mi piaceva molto. Così, quando si è trattato di creare un modello personalizzato mi è parso naturale farlo con lui. A me piacciono molto i bassi Sandberg, ma naturalmente ci sono molti altri ottimi costruttori di bassi sul mercato.

Il mio basso ha due pickup, uno per quel suono funk della vecchia scuola che mi piace tanto, tipo Larry Graham, l’altro per un suono più simile a quello di Jaco Pastorious. Sono due suoni molto diversi. La loro combinazione offre una grande varietà nello spettro sonoro e premette di ottenere un suono più moderno e morbido. Il basso è nero e oro e lo trovo davvero bello [sorride]!



Il tuo quinto album 02022020 è stato pubblicato nel 2020, l’anno in cui è scoppiata la pandemia. Quali erano i tuoi sentimenti al momento della sua uscita?


In realtà l’album è stato pubblicato il 2 febbraio, prima che la pandemia colpisse davvero, almeno in Danimarca. Quindi, al momento della sua uscita non ero ancora consapevole di ciò che stava per accadere.



Le restrizioni Covid che sono seguite hanno stravolto l’intera industria artistica e culturale. In che modo i due anni di pandemia hanno influito sul tuo processo artistico? Vedi anche delle nuove opportunità?


Gli effetti della pandemia sono stati molteplici: da un lato mi ha fatto apprezzare il fatto di suonare di nuovo dal vivo, ma mi ha anche resa consapevole della necessità di apprezzare il presente e le cose belle della vita, come la natura e la famiglia. Ho tratto un certo conforto nello smettere di stressarmi per cose come le scadenze e così via; ho anche avviato un paio di nuovi progetti musicali in cui suono soprattutto le tastiere e programmo musica al computer. Ho fatto un sacco di registrazioni in casa e lo stile è un po’ diverso dal mio tipico funk.



Che consiglio daresti chi intende intraprendere una carriera musicale?


Insegui i tuoi sogni! Sono convinta che se ci si mette in gioco e ci si impegna al massimo, cose belle accadranno.


 

L'intervista di Martina Knecht a Ida Nielsen è stata pubblicata il primo luglio 2022 sulla stampa ticinese.




Comentários


bottom of page